SHARE

Una produzione nel segno dell’equilibrio naturale. È questo il dogma alla base dell’agricoltura biodinamica da cui, di fatto, deriva deriva il vino biodinamico. Questo metodo di produzione ha origine negli anni ’20, quando l’austriaco Rudolf Steiner teorizza questa filosofia che considera un sistema unico la terra e la vita che su di essa si sviluppa. Una visione olistica e spirituale dell’agricoltura, che prevede l’unione delle forze terrene con quelle cosmiche.

Il Vino Biodinamico

I principi alla base del vino biodinamico sono il legame con la terra, il ripristino della fertilità del terreno e le tecniche specifiche di coltivazione. Questa metodologia, infatti, non prevede l’utilizzo di prodotti chimici o OGM, ma solo preparati naturali fermentati e minerali, al fine di stimolare e rivitalizzare tutto l’ambiente.

A queste tecniche vengono affiancati i sistemi tradizionali di lavorazione della superficie, come l’utilizzo dell’aratro con il cavallo per non modificare la fauna del suolo, composta da organismi utili ad allontanare i parassiti. Un fattore fondamentale nell’agricoltura biodinamica è il rapporto con le forze cosmiche: le diverse attività agricole, compreso l’imbottigliamento, infatti, vengono eseguite seguendo le fasi della luna e del sole.

La garanzia dell’utilizzo del metodo agricolo biodinamico è certificato dal marchio Demeter, un’associazione privata di produttori biodinamici che, attraverso un apposito disciplinare, tutela i consumatori.
Dai vari studi che si sono susseguiti negli anni (test su suolo e uva e test degli assaggiatori di vino), non si è giunti a una conclusione unanime su quale sia la pratica migliore di produzione del vino, non rilevando sostanziali differenze nei prodotti, se non una maggiore vivacità e un colore intenso del vino derivante da uve di agricoltura biodinamica.

Indipendentemente dal risultato derivante dall’utilizzo di questa tecnica, soggetto anche al gusto personale, è fuori dubbio che questa metodologia di produzione sia fondamentale per il sano futuro della Terra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here