SHARE

Il 2018 è l’anno nazionale del cibo. Da gennaio è un susseguirsi in Italia di manifestazioni, iniziative, eventi legati alla cultura e alla tradizione enogastronomica del Belpaese, tutte rivolte alla valorizzazione dei prodotti tipici, delle della dieta mediterranea, a far conoscere e promuovere i paesaggi rurali, le filiere e la lotta agli sprechi alimentari.

L’Anno nazionale del cibo

Il patrimonio enogastronomico come parte dell’identità culturale italiana. E, per l’occasione, la dedica di questo 2018 va a Gualtiero Marchesi, colui che ha rivoluzionato il panorama mondiale della Cucina. Ma quali sono i trend dell’anno nazionale del cibo?
Non solo mode, come si potrebbe pensare dal termine trend, ma approcci al settore, studiati e analizzati dalle agenzie e dagli esperti. Stili di vita che cambiano, nuove frontiere che si affacciano, orizzonti che si aprono e stili che si consolidano, con una rinnovata consapevolezza.

La salute a tavola

È il primo imperativo del 2018. Una filosofia sempre più internazionale e trasversale, nata dall’esigenza, ormai data per assunta negli ultimi 15 anni, che il cibo è benessere ed è sempre più necessario e urgente mangiare bene e scegliere con consapevolezza ingredienti e ricette.
Piaù trasparenza, quindi, nella filiera agroalimentare, tracciabilità delle materie prime, valorizzazione delle specialità locali, oltre a una maggiore conoscenza da parte del consumatore, educato a pretendere maggiori informazioni prima dell’acquisto.

Le fermentazioni e i surrogati vegani

Il 2018 sarà l’anno delle fermentazioni, un metodo antichissimo di conservazione degli alimenti, fulcro di molte cucine, come quella coreana. Cresce inoltre l’interesse per il mondo vegano e il 2018 sarà anche l’anno in cui si diffonderanno i surrogati delle proteine animali.

Healthy food: l’aglio

Largo spazio ai superfood, ai cibi che fanno bene e tra questi, per l’Italia, a frutta e verdura, ma soprattutto a cibi come l’aglio.

Il tè che conquista

A dominare sarà il tè, che avrà una piccola rimonta sul caffè, con le miscele floreali tra le tendenze più in voga, con un messaggio che va ben oltre il semplice gusto o le proprietà benefiche. Con il tè si diffonde una filosofia ben precisa, mutuata dalla cultura orientale, che punta al benessere del corpo e dello spirito.

Cucine sempre più fusion

Una parola che racchiude un approccio sempre più accogliente in Cucina. Nel rispetto delle tradizioni e delle tipicità dei luoghi, la Cucina si apre alla cultura, accogliendo sfumature, suggestioni, orizzonti provenienti da terre lontane, in una logica che non è più quella della contaminazione, ma di una vera e propria integrazione gastronomica.

No agli scarti

L’anno del cibo e dell’attenzione all’alimentazione non poteva non considerare l’urgenza del messaggio del recupero, della riduzione degli sprechi, del ritorno alla semplicità, sia nella quantità che nella forma. La cucina circolare diventa un modo per interpretare questa ritrovata sensibilità al diritto all’alimentazione e molti professionisti del settore si fanno portavoce di questo messaggio, mettendo in tavola veri e propri capolavori, piatti creati a partire da ingredienti poveri e spesso dimenticati, con accostamenti quasi impensabili. Perché la cucina, si sa, è arte, creatività, tecnica e rispetto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here