Home News Baglio di Pianetto si “ferma” sull’Etna. La nuova sfida della famiglia Marzotto...

Baglio di Pianetto si “ferma” sull’Etna. La nuova sfida della famiglia Marzotto si chiama “Fermata 125”

Tenuta Pianetto (3)_SCristinaGela

Nuova fermata l’Etna, anzi due. Dopo le alte colline dell’areale di Monreale e il luminoso territorio a due passi dal mare, tra Noto e Pachino, prende il via un altro importante progetto per l’azienda Baglio di Pianetto. Questa volta protagonista è il territorio dell’Etna. È qui che sono nate le due nuove etichette della famiglia Marzotto.

Si chiamano “Fermata 125”, in omaggio alla storica ferrovia Circumetnea, entrata in funzione a fine ‘800 e che con il suo tracciato collega ancor oggi Catania con Riposto compiendo il periplo dell’Etna. La fermata 125 di Passopisciaro, di fronte alla quale sorge la cantina con la quale Baglio di Pianetto ha avviato questo progetto, ha dato il nome all’Etna Bianco DOC e all’Etna Rosso DOC.

“Ampliare il nostro assortimento con due nuovi vini in purezza che interpretassero secondo il nostro stile il Carricante e il Nerello Mascalese, le due principali uve autoctone allevate sul vulcano, era un desiderio che avevamo da tempo e che ora siamo riusciti a realizzare – afferma Francesco Tiralongo, amministratore delegato dell’azienda-. Il comune di Castiglione di Sicilia e in particolare la frazione di Passopisciaro, rappresentano uno dei più storici territori etnei: qui abbiamo trovato il partner che cercavamo, con il quale condividiamo in primis l’approccio sostenibile in campagna. I vigneti e la cantina saranno condotti in stretta collaborazione con il nostro team aziendale, che sarà presente e supervisionerà tutte le fasi produttive”.

Tenuta Pianetto food lifestyle

L’Etna Bianco DOC “Fermata 125” 2020 proviene da uve certificate biologiche di Carricante in purezza. Dotato di una sferzante aromaticità che alterna note minerali e quelle di litchi, nespola e frutta a polpa bianca, ben rappresenta l’emblema della verticalità presente nei vini del vulcano e in particolare del Carricante, l’uva a bacca bianca autoctona più importante di questo territorio. L’Etna Rosso DOC “Fermata 125” 2019 si ottiene, invece, da uve di Nerello Mascalese in purezza, allevate con il tradizionale sistema dell’alberello. Al calice dona un piacevole bouquet di piccoli frutti rossi e macchia mediterranea con nette sfumature di ciliegia e fragoline. Freschezza e tannini ampi e setosi caratterizzano un sorso di ottima persistenza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here