SHARE

Dal Nepal la bacca agrumata.

Lo chiamano pepe di Timut, in realtà è la buccia di una bacca. Molto profumata e dal colore vermiglio, questa “speziainebriante viene dal lontano Nepal, ma sta conquistando lentamente l’Alta Cucina nazionale e internazionale.

Grazie infatti al suo particolarissimo e penetrante profumo agrumato, con sentori che ricordano il lime, il pompelmo e il frutto della passione, ma anche menta, basilico e fiori bianchi, si presta a tantissimi abbinamenti.

Può accompagnare la frutta agrumata, i semifreddi a base di ananas, oppure può essere utilizzato nella tradizionale torta alle mele, come ingrediente della famosa “cacio e pepe” e persino in piatti di pesce. C’è chi lo utilizza per aromatizzare il gin tonic.

Le bacche della pianta vengono lasciate essiccare al sole e rigirate continuamente su grandi vassoi di vimini, prima di essere pestate leggermente per accompagnare le pietanze. La particolarità di questa pianta è che è capace di addormentare temporaneamente le pareti della bocca, provocando una sensazione unica.

I suoi benefici sono riconosciuti da più parti: oltre ad essere un prodotto diuretico, battericida e fungicida, il pepe di Timut favorisce la digestione, combatte la febbre ed è un toccasana per lo stomaco e la milza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here